Parrocchia San Giacomo - Lucera FG
- Santo del giorno: B. Vergine Maria regina

Parrocchia San Giacomo Maggiore Apostolo - Lucera

E' mons. Giuseppe Giuliano il nuovo Vescovo della Diocesi Lucera-Troia. Conosciamo meglio il nostro Vescovo

E' mons. Giuseppe Giuliano il nuovo Vescovo della Diocesi Lucera-Troia. Conosciamo meglio il nostro Vescovo

primopiano > news

Come preannunciato nella tarda serata di ieri, 19 ottobre, l'Amministratore Diocesano don Ciro Fanelli ha convocato, il Clero della DIocesi per le ore 12.00, in Cattedraleper annunciare la nomina firmata da Papa Francesco ecomunicare il nome del nuovo Vescovo della Diocesi di Lucera - Troia. Ora è ufficiale, si tratta di mons. Giuseppe Giuliano, proveniente da Nola, già Direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano per la Diocesi di Nola, nominato alla presenza di Mons. Francesco Zerrillo, che fu vescovo della Diocesi Lucera-Troia fino all'ottobre del 2007.

 
MESSAGGIO DI  S. ECC. MONS. GIUSEPPE GIULIANO ALLA DIOCESI DI LUCERA-TROIA
 
Si trasmette il testo del Messaggio del Vescovo eletto di Lucera-Troia mons. Giuseppe Giuliano alla Diocesi.
 Lucera, 20 ottobre 2016
 
Sac. Michele Di Gioia
Direttore Ufficio diocesano
per le Comunicazioni sociali/Ufficio stampa

 In amicitia Jesu Christi                                                       
 Alla santa Chiesa di Dio che è in Lucera-Troia
 
"Era Alfonso in etàdi sessantasei anni. Quando credeva... esser prossimo alla morte, edisporsiper quel passaggioIddio, con un tratto di provvidenza, lo richiama nuovavita, e l'investe di nuovo zelo, per altre opere di sua maggior gloria" (Antonio M. Tannoia).
        
         Fatte le debite proporzioni tra la mia personale pochezza e la sua gigantesca santità, mi conforta un possibile accostamento a sant'Alfonso Maria de' Liguori. E mi conforta, altresì e ancora di più, la certezza che il passaggio episcopale della mia vita è stato voluto dalla Sapienza divina insistentemente invocata e quasi costretta dal popolo di Dio che con il suo fiuto di fede mi ha, sempre e molto, avvolto e sostenuto in tanti, non facili, anni di silenzioso ed impegnativo lavoro apostolico.
        
         Così mi presento a voi, amici e figli già carissimi, certamente intimidito ma anche fiducioso di poter servire la vostra gioia e prendere parte alle fatiche generose dei molti testimoni che hanno assecondato la grazia divina nel costruire la santa Chiesa di Lucera-Troia.
        
         Non sono giovane, anche se ho sempre lavorato con i giovani. Non sono dotto, anche se ho da sempre insegnato. Non sono santo, anche se ho incontrato lungo la mia non breve esistenza molteplici prodigi di santità e numerose persone e situazioni che mi hanno ricordato, con decisione, l'unica cosa che davvero conta: l'assoluto di Dio che con la sua misericordia dona la vita e la fede, sostiene la speranza e dilata la carità, fascia le ferite e asciuga le lacrime, rialza dalle cadute e conduce con infinta tenerezza verso la pienezza dell'amore.
 
         Sia dunque benedetto Dio che ci ha scelti e benedetti – scelti e benedetti voi per me, scelto e benedetto me per voi – con ogni benedizione nei cieli in Cristo e ci consola in ogni nostra tribolazione perché anche noi possiamo consolare quelli che si trovano in ogni genere di afflizione con la consolazione con cui noi stessi siamo consolati da Dio.
 
         Sia benedetto il Pastore dei pastori per questa nostra Chiesa, per i suoi vescovi – tra cui in ultimo, ma non da ultimo, il venerato monsignor Domenico – per i presbiteri e i diaconi, dedicati come sono al servizio del Vangelo nella comunità cristiana e nel territorio umano.
        
         Sia benedetto il Padre del Signore nostro Gesù Cristo, Padre misericordioso, per le famiglie che vanno d'accordo nel vicendevole amore degli sposi e nel servizio alla vita dei loro figli. E per i giovani che, con le loro inquietudini e le loro domande inespresse, rendono la vita meno facile a chi è tentato dalla sazietà delle cose. E per i consacrati nella evangelica povertà-castità-obbedienza, segno del Regno che apre il tempo al compimento della storia, oltre il tempo.
        
         Sia benedetto il Padre della gloria che ha voluto la Chiesa – la bella Chiesa di oggi, la Chiesa di Papa Francesco! – quale casa di misericordia e ospedale da campoper le tante fragilità e le piaghe dolorose nostre e dei nostri contemporanei.
 
         Al Padre che è infinitamente benevolo e provvidente, al Figlio primogenito di quelli che sono chiamati alla risurrezione, allo Spirito di santità e di grazia ogni onore e gloria nei secoli dei secoli.
         Amen. Amen.
 
Nola, 20 ottobre 2016
Giuseppe Giuliano
vescovo eletto

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Vita Mons Giuseppe Giuliano

Mons Giuseppe Giuliano il nuovo vescovo della Diocesi di LUCERA Troia

Nasce a Napoli il 28 giugno 1951 e ivi è battezzato il 2 luglio successivo, ma da sempre risiede al Rione Trieste di Somma Vesuviana, provincia di Napoli e Diocesi di Nola.
La sua è una famiglia serenamente credente: il padre, Michele, è amato e stimato medico, la madre, Elena, è casalinga. Dopo il primogenito, Giuseppe, nascono il fratello Mario e la sorella Maria, medico pediatra.
Terminata la Scuola Media, frequenta il Liceo statale di Ottaviano dove consegue la maturità classica.
Dopo studi universitari di medicina e il servizio militare, viene ammesso nel 1976 all'Almo Collegio Capranica in Roma ed è alunno della Pontificia Università Gregoriana per gli studi di filosofia, di teologia e di teologia morale.

Il 16 maggio 1982 viene ordinato presbitero nella chiesa parrocchiale di appartenenza, Santa Maria di Costantinopoli in Somma Vesuviana, dal Vescovo diocesano monsignor Guerino Grimaldi.
Negli anni di preparazione al presbiterato viene incaricato dell'animazione catechetica e della formazione dei catechisti presso il Centro Costanza Doria del Vicariato e collabora stabilmente al Centro Nazionale dei giovani di Azione Cattolica, soprattutto per la catechesi.
Già da diacono, nel 1981, viene nominato canonico della Cattedrale di Nola e assistente del Movimento Studenti di Azione Cattolica.
Rientrato in Diocesi nel 1983, è segretario del Vescovo, monsignor Giuseppe Costanzo e, contemporaneamente, Assistente diocesano degli studenti e dei giovani di Azione Cattolica, Incaricato diocesano della pastorale giovanile.
Dal 1983 ad oggi è Docente di teologia morale presso la Scuola Teologica Diocesana. Di questa Scuola – nel 1986, Istituto Superiore di Scienze Religiose – è nominato nel 1984, per un primo quadriennio, Direttore.
Dal 1984 al 1999 è assistente ecclesiastico del gruppo nolano dell'Istituto Secolare delle Missionarie della Regalità e, dal 1988 al 2003, del gruppo meridionale dei Missionari della Regalità.
Dal 1984 a tutt'oggi è richiesto per esercizi spirituali e ritiri, corsi di formazione e di aggiornamento teologico per laici, giovani e adulti, per membri di Istituti secolari, per religiose e religiosi, per seminaristi e sacerdoti.

Dal 1987 al 1994 è Rettore del Seminario diocesano e Direttore del Centro Diocesano Vocazioni.
Lasciata la direzione dell'Istituto Superiore nel 1988, viene nominato Assistente diocesano dell'Azione Cattolica.               
Dal 1988 al 1995 collabora alla pastorale parrocchiale nella Masseria Ciciniello della parrocchia Santa Croce in Santa Maria del Pozzo in Somma Vesuviana.
Dal 1970 al 1975 era stato Docente di religione nelle Scuole medie statali di Sant’Anastasia e di Somma Vesuviana, e dal 1991 al 1993 lo è al Liceo classico di Ottaviano.
Dal 1991 al 1995 è assistente diocesano del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale.
Nel 1992 riceve ancora la direzione dell'Istituto Superiore di Scienze Religiose, con conferma nel 1996, per complessivi otto anni.
Dal 1995 a tutt’oggi è consulente ecclesiastico della sezione diocesana dell'Associazione Medici Cattolici.


Nel gennaio del 1996 viene nominato, dal Consiglio permanente della Conferenza Episcopale Italiana, Assistente centrale dell'Azione Cattolica Italiana per l’A.C.R., con conferma nel 1999.
Nel luglio del 2000 è nominato Cappellano di Sua Santità.
È stato, più volte, membro del Consiglio presbiterale e del Consiglio pastorale diocesano.
Dal 2000 al 2005 è membro, per due trienni, del Comitato etico della ASL/Napoli 4.
Dal 2001 al 2009 è anche Docente di teologia morale fondamentale presso lo Studio Accademico in Nola/Sant'Angelo, Studio affiliato alla Facoltà di teologia della Pontificia Università Antonianum in Roma.
Dal novembre 2002 al giugno 2010 è direttore dell'Ufficio Catechistico diocesano.

Il 29 giugno del 2003 riceve la nomina di parroco a san Giorgio Martire in Somma Vesuviana e il successivo 2 luglio vi inizia il ministero pastorale.
Nel novembre 2009 viene ancora richiesto e nominato assistente del gruppo campano-molisano dell'Istituto Secolare dei Missionari della Regalità di Cristo.
Dal gennaio del 2014 fa nuovamente parte del Consiglio presbiterale e, nel marzo 2014, viene nominato membro del Collegio dei Consultori.


<<pagina precedente