Parrocchia San Giacomo - Lucera FG
- Santo del giorno: S. Lucia vergine

Parrocchia San Giacomo Maggiore Apostolo - Lucera

Apostolato della preghiera Apostolato della preghiera

Apostolato della preghiera


L'Apostolato della Preghiera nacque, come intuizione e come proposta, a Vals presso Le Puy, in Francia, il 3 dicembre 1844, ad opera del P. Francesco Saverio Gautrelet S.I per degli studenti gesuiti; si diffuse subito al di fuori dello scolasticato di Vals; il P. Gautrelet avviò una piccola organizzazione denominata Apostolato della Preghiera, che fu approvata dal vescovo di Le Puy e successivamente dai Papi, a cominciare da Pio IX; ma la divulgazione dell'Apostolato della Preghiera nel mondo si deve al P. Enrico Ramière S.I., il quale ne sviluppò la dottrina e la diffusione. Nel 1861 nacque, in Francia, il primo "Messaggero del Cuore di Gesù", imitato ben presto da pubblicazioni simili in molti Paesi; nell'anno della morte del P. Ramière (1883) l'AdP aveva già 35.000 Centri con più di 13 milioni di iscritti; oggi l'Apostolato della Preghiera è presente in tutto il mondo ed ha almeno 45 milioni di iscritti; si calcola che un centinaio di milioni di persone pratichino l'Offerta quotidiana della giornata.

Un po' di diritto

L'AdP è un'associazione pubblica di fedeli (canoni 312 - 320 del Codice di Diritto Canonico); ha avuto diversi Statuti; quelli in vigore sono stati dati da Paolo VI nel 1968, "secondo la dottrina e lo spirito del Concilio Vaticano II".

Un po' di santità

L'AdP è una scuola di santità; ci aiuta a "fare un cammino di fede"; perchè ci fa vivere il Battesimo e l'Eucaristia nello spirito del sacerdozio comune dei fedeli; l'AdP propone tre impegni fondamentali e progressivi: l'Offerta quotidiana, la Consacrazione, la Riparazione: tutto questo, nel quadro della Spiritualità del Cuore di Gesù. Il metodo della capillarità (animatori, Biglietti Mensili, rete di contatti regolari/mensili). Metodo che fa dell'AdP uno strumento valido per una Nuova Evangelizzazione e per il rinnovamento profondo delle parrocchie nel senso del Concilio Vaticano II; la formazione all'esercizio dell'apostolato.

Un po' di sociale

Le intenzioni mensili, del Papa e dei nostri Vescovi, ci orientano a "sentire con la Chiesa" e sono finestre aperte sui problemi attuali del mondo; esse ci aiutano ad agganciare la nostra vita spirituale alla realtà delle "gioie e delle speranze, delle tristezze e delle angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono..."(GS 1); di più: mobilitando intorno a questi problemi la preghiera e l'offerta di tanti milioni di persone, le intenzioni mensili hanno un grande valore di impetrazione.


<<pagina precedente